Instagram Marketing: la guida completa ai primi passi

Introduzione al marketing su Instagram

Il 6 ottobre 2018 Instagram ha compiuto otto anni. La sua espansione, dal 2010, non conosce limiti.

Sembra che tutti, compresi cani e gatti, usino questa piattaforma.

Ti sei mai chiesto come usare al meglio Instagram per la tua azienda?

Ecco alcuni dati di Instagram marketing:

  • 1 miliardo di utenti attivi al mese, di cui 19 milioni sono italiani.
  • 60% degli adulti online utilizza Instagram.
  • 80% degli utenti sono fuori dagli Stati Uniti
  • Ci sono 25 milioni di profili business
  • 50% degli utenti segue almeno un Brand e il 60% dice di aver conosciuto prodotti e servizi attraverso questo social network.
  • Ogni giorno vengono fatti più di 4 miliardi di like e condivise 80 milioni di foto
  • L’utente medio dedica a Instagram circa 260 minuti al mese 
  • Circa il 30% delle società più grandi (Fortune 500) sono su Instagram 
  • I brand postano una media di 5.5 volte alla settimana 

 

Anche questi dati ci dicono che ormai Instagram non è più solo per uso personale. Oggi permette ai Brand di usare un linguaggio meno formale, reclutare nuovi talenti, mostrare nuovi prodotti e ispirare il proprio pubblico.

Gli utenti Instagram non sono semplicemente attivi, ma sono molto più coinvolti rispetto agli altri social network. Più della metà degli utenti usa Instagram ogni giorno e il 35% dice di controllarlo più volte al giorno. È un canale molto utile anche per aumentare la brand awareness e lanciare nuovi servizi.

Considera che il 70% degli utenti dichiara di aver cercato almeno una volta un Brand.

Instagram permette di proporre i propri prodotti in modo amichevole e autentico, senza usare tecniche di hard selling.

Se pensi che Instagram potrebbe essere utile al tuo business, ma non sai da dove iniziare, sei nel posto giusto. Continua a leggere, oppure usa l’indice per saltare all’argomento che ti interessa di più.

 

Instagram_in_Italia_2018

 

 

 

 

 

Come copywriter preferivo Twitter a Instagram. Mi limitavo all’uso personale, alimentando la mia passione per la fotografia. Gli account dei clienti venivano seguiti dall’art director e dai grafici.

Poi ho capito che dovevo conoscere meglio anche questo social media. E che Instagram può essere divertente anche per i copy.

Così, insieme ai copy junior di Area Inbound, abbiamo cominciato a seguire (principalmente) due corsi di Instagram Marketing:

 

Di seguito quanto imparato nei primi mesi: quello che serve, per partire con il piede giusto.

Ma vi invito a frequentare direttamente i corsi, se volete padroneggiare questo social.

 

Instagram on fire

 

Perché usare Instagram for Business.

Instagram viene utilizzato, anche dalle aziende, in modo creativo con contenuti visivi coinvolgenti. È possibile pubblicare immagini e brevi video. E da quando sono state introdotte le storie, permette anche di comunicare con il proprio pubblico in modo dinamico.

 

I principali benefit di Instagram.

 

Facilità di utilizzo

Questo è uno dei fattori chiave del successo del social network. Scattare una foto o fare un video e pubblicarlo sul proprio profilo è davvero intuitivo. Ed è altrettanto facile, condividere il post su Facebook, Twitter e Tumblr.

 

Storytelling visivo

Raccontare storie è uno dei metodi migliori per farsi avvicinare dal pubblico e per costruire una propria tribù. Instagram invita a liberare la propria creatività, comunicando fuori dagli schemi e facilita la creazione di contenuti visivi gradevoli.

 

Crea fiducia

Il linguaggio di Instagram è casual e informale. In questo modo, i brand possono mostrare il proprio lato umano. Raccontano il dietro le quinte della propria azienda, mostrando chi sono e cosa fanno i dipendenti. Così si crea un rapporto di vicinanza e fiducia che permette ai follower di interagire con disinvoltura.

 

Generare traffico

Quando pubblichi un post su Instagram, non raggiungi solo i tuoi follower, ma anche i tuoi clienti potenziali. Assicurati di aver inserito nella tua biografia un link che porti al tuo sito o alla landing page della campagna che stai realizzando. Puoi anche invitare il pubblico a cliccare sul link, usando call-to-action mirate nei commenti o nei post.

 

Pubblicità gratuita

In altri social, come Facebook e LinkedIn, raggiungere il proprio pubblico in modo organico sta diventando sempre più difficile. Su Instagram, utilizzando correttamente gli hashtag, puoi raggiungere il tuo pubblico potenziale con ogni foto.

 

Visual marketing

Dicono che un’immagine valga più di mille parole. Per questo Instagram è il paradiso di fotografi, art director e grafici. L’importante è scegliere le immagini giuste e creare la miglior grafica, per sorprendere il proprio pubblico.

 

Coinvolgimento degli utenti

Instagram conta più di 1 miliardo di utenti attivi ed è in continua crescita. Il coinvolgimento delle persone è molto più elevato rispetto agli altri social: 60 volte più di Facebook e 120 volte in più di Twitter. Questo vuol dire che su questo social è molto più facile instaurare un dialogo con il proprio pubblico.

 

Sii te stesso

Non aver paura di mostrare i tuoi aspetti più personali (senza esagerare). Questo aiuterà il tuo pubblico a capire chi sei e a sentirti più vicino. Racconta il “dietro le quinte” del tuo lavoro, come lavorano i tuoi dipendenti e qual è il clima in azienda. Instagram è un ottimo canale di employer branding, non solo di marketing e advertising.

 

Networking

Instagram non è un canale di comunicazione univoco, in cui il brand comunica con i propri followers. È esso stesso un network dove è possibile relazionarsi con altri account, per costruire relazioni durature.

 

Aumenta le conversioni

Instagram è uno dei canali dove Contest e concorsi funzionano meglio. E sono degli ottimi strumenti per aumentare il coinvolgimento del pubblico e per ottenere delle conversioni mirate. Potresti offrire bonus e coupon, invitare ad usare gli hashtag del tuo Brand, …, l’unico limite è la vostra creatività.

 

Viralità

Se le foto che pubblichi piacciono particolarmente al pubblico, potrebbero essere messe in evidenza nell’area di ricerca. Questo porta ad un’esposizione che aumenterà le conversioni e genererà nuovi follower.

 

Dati alla mano, Instagram si rivela un canale utile per sviluppare la maggior parte dei business e dei Brand. Come altri social, anche Instagram richiede una strategia di comunicazione, per coinvolgere il pubblico giusto.

 

Torna all'inizio

 

 

 

 

Instagram Strategy

Come definire la strategia su Instagram, per migliorare il tuo business?

Oggi Instagram è la prima donna nel mondo dei social. Dopo lo scandalo di Cambridge Analytica, molte persone hanno lasciato Facebook a vantaggio di questo social. Qualcuno senza sapere che i due social network appartengono alla stessa società.

 

Soprattutto le aziende amano Instagram, perché il suo engagement è molto più elevato, rispetto agli altri canali. 10 volte più di Facebook, 54 volte più di Pinterest, 84 volte più di Twitter.

 

Ma come puoi sapere se Instagram va bene per te?

 

Prima che un’azienda cominci ad usare Instagram, dovrebbe avere una visione d’insieme, definire l’obiettivo principale e raggiungere il suo scopo post dopo post. Personalmente ho cominciato ad usare Instagram nel 2011, perché mi piace fotografare. Perché i suoi filtri mi facevano sentire più bravo. Era il mio album fotografico online. Oggi le cose sono molto cambiate: Instagram può essere paragonato a una rivista digitale. Ogni post è una pagina che rimanda alla promessa fatta nella bio, la copertina del magazine.

 

Ma cerchiamo di capire se Instagram potrebbe essere utile per il tuo lavoro.

 

Come prima cosa, verifica se i tuoi competitor lo stanno utilizzando. Se hanno molti follower e un buon livello di interazione, vuol dire che potrebbe essere utile anche a te.

Per quanto mi riguarda, sono molti i marketers che utilizzano questo canale con successo: Dario Vignali e Marco Montemagno, solo per citare gli esempi italiani più eclatanti.

 

Il secondo aspetto da valutare è se il tuo prodotto punta molto sulla comunicazione visiva. Se la risposta è si, Instagram è il canale dove potresti eccellere. Ma questo non vuol dire che se vendi servizi B2B, questo canale non possa esserti utile. 

Da questo punto di vista, Hubspot con oltre 100.000 followers è un ottimo esempio: il suo prodotto è un software.

Come viene utilizzato Instagram dal colosso americano? Per mostrare la propria cultura aziendale, per condividere statistiche, per dare suggerimenti sull’uso dei social media, per motivare il proprio pubblico e per rassicurarlo.

 

 

BUYER PERSONA

I tuoi clienti sono su Instagram? Per rispondere, la prima cosa da sapere è chi è il tuo cliente ideale

Se hai già definito la tua Buyer Persona, o un qualche target di riferimento, puoi partire da qui per definire il tuo pubblico su Instagram. Ecco alcuni fattori da considerare: età, luogo, genere, fatturato, interessi, motivazioni e paure. 

 

Non sai da dove cominciare? Monitora gli account più popolari e gli hashtag che sono collegati al tuo business. Scopri chi interagisce con loro e visitane il profilo. Puoi anche guardare i follower dei tuoi competitor. Verifica, statisticamente, se le variabili demografiche sono rilevanti.

 

Poi chiediti se sei “mobile friendly”. Da sempre Instagram è Mobile-first, quindi dovranno esserlo anche le tue landing page e il tuo sito.

 

Obiettivi di marketing SMART

 

Poi valuta come allineare i tuoi obiettivi di marketing con gli obiettivi specifici che puoi fissare per il tuo account Instagram. Se il tuo obiettivo è aumentare le vendite B2B, forse il tuo compito sarà più difficile rispetto a un’azienda che vende B2C e può avvantaggiarsi maggiormente dalla vendita diretta online. 

 

Per comprendere meglio se Instagram può aiutarti ad avere successo, guarda con quali obiettivi altri marketers utilizzano questo canale:

  • Brand awareness
  • Fidelizzazione della clientela
  • Attirare nuovi prospect
  • Vendita diretta per le aziende B2C
  • Pubblicità

 

Puoi utilizzare Instagram anche per aumentare il traffico verso il tuo sito o verso la tua landing page. Ma queste attività si limitano principalmente all’inserimento di un link nella tua bio o nelle storie se hai un account business con più di 10.000 followers e per la pubblicità.  

 

Dopo aver definito il tuo pubblico su Instagram, analizza cosa postano gli altri marketers che operano nella tua stessa nicchia. Se conosci i tuoi competitor, comincia analizzando i loro profili. Se non li conosci, cerca le parole che caratterizzano la tua attività e individua gli account simili al tuo. Appuntati le tipologie di post che coinvolgono maggiormente il loro pubblico, gli hashtag che usano, che tipo di testi scrivono, con che frequenza pubblicano nuovi post e a che velocità crescono. Queste informazioni ti serviranno come benchmark (punti di riferimento) per misurare la qualità della tua attività su Instagram.

 

Se pensi che Instagram possa essere utile a te e alla tua azienda, è il momento di individuare le KPI (indicatori delle performance) da monitorare. Vuoi aumentare il coinvolgimento del tuo pubblico? I followers? Monitora costantemente questi numeri. Ti aiuteranno a prendere le decisioni fondamentali riguardo ai contenuti, le campagne e le strategie pubblicitarie.

 

Instagram può rivelarsi uno degli strumenti di marketing più efficaci, soprattutto se utilizzato in modo autentico. Ma cosa vuol dire utilizzarlo in modo autentico? 

 

Ecco cosa intendo:

  • NON dovresti comprare followers. Non servono perché non sono interessati ne a te ne al tuo prodotto. Nei social la qualità vince sulla quantità e questo vale anche per Instagram.
  • Non limitarti a delle belle foto. Trasferisci valore, informazione o intrattenimento a chi ti segue. Prova diversi mix di contenuti e verifica quali sono quelli preferiti dal tuo pubblico.
  • Posta in modo coerente. Non postare contenuti casuali. Non fare 20 post in un giorno e poi non farti più sentire per dei mesi. 

 

Essere autentici vuol dire non limitarsi a postare contenuti promozionali o a fare pubblicità. Vuol dire avere un approccio più ampio, postare immagini del proprio team, condividere i propri valori, emozionare il proprio pubblico (anche se non comprerà il tuo prodotto). Vuol dire partecipare come persona, piuttosto che come un brand che interrompe gli utenti.

Torna all'inizio

 

 

 

Instagram per il business

 

Ottimizza il tuo profilo aziendale su Instagram.

Sono due gli aspetti principali della tattica su Instagram: i tuoi contenuti, che richiedono l’impegno maggiore, e il tuo profilo, che viene visto dalle persone interessate al tuo Brand. È importante che il profilo sia sempre aggiornato e ottimizzato in base alla strategia, ai nuovi obiettivi di business e alle campagne che stai facendo.

 

Ecco alcuni suggerimenti che potrebbero tornarti utili per ottimizzare il tuo profilo Instagram:

scegli il nome giusto, una bella foto per il tuo avatar e, se è un logo, assicurati che abbia le dimensioni giuste e non venga tagliata.

Utilizza la descrizione come fosse un testo da ottimizzare SEO, assicurati che la tua bio dica chi sei, quello che fai e soprattutto perché lo fai. Utilizza un linguaggio appropriato per Instagram (es. emoji) e concludi con una call-to-action chiara ed efficace che porti al tuo sito o a una landing page.

 

Entriamo un po’ più nello specifico di questi aspetti.

Assicurati che l’account business sia connesso ad una mail di lavoro e non sia collegato al tuo profilo personale su Facebook.

 

Se non stai utilizzando un profilo business è venuto il momento di crearne uno.

Ti permetterà di vedere gli insights, ovvero gli analytics Instagram e renderà più semplice la promozione dei contenuti. Assicurati che il profilo sia associato ad una pagina Business di Facebook.

 

Come trasformare un account Instagram NON-business, in Business.

Profilo privato InstagramIMG_0357

Clicca su:

  1. “modifica profilo”
  2. “Prova gli strumenti Instagram per le aziende”
  3. Nella schermata “Connetti la tua Pagina Facebook” Seleziona sulla destra quella da cui prendere le informazioni aziendali.
  4. Verifica email e numero di telefono aziendale. Controlla che le informazioni di contatto che sono state acquisite siano corrette.
  5. Fine. Accedi al tuo nuovo profilo aziendale Instagram: ora hai più strumenti per connetterti al tuo pubblico. Clicca su “Accedi al profilo.

 

 

 

Il profilo business da accesso ad alcuni campi aggiuntivi nella bio del profilo, puoi promuovere ogni singolo post e -se soddisfi i criteri di selezione di Instagram- puoi aggiungere dei link nelle Stories.

Quando si tratta di fare SEO su Instagram, le aziende hanno a disposizione pochi caratteri per inserire le parole chiave e gli #hashtag, essenzialmente nel nome nella bio. Su Instagram si possono cercare anche gli Emojis, quindi, dacci dentro (con moderazione).

Così sarà più facile trovarti, qualunque siano le tue parole chiave e il tuo settore di mercato. Fai in modo che aiutino gli utenti che guardano il tuo profilo a entrare in contatto con la tua attività.

Scegliendo con attenzione i testi della bio e il nome, avrai anche più probabilità di essere tra i risultati della tab di ricerca (quella con la lente d’ingrandimento).

 

 

Scegli il nome con attenzione.

Il tuo nome è riconoscibile e facile da trovare? Sei il nome della tua azienda non è disponibile, Prova ad inserire nello username solo la prima parte del nome dell’azienda. Evita di usare i numeri, perché sono spesso associati ad account spam. Ad ogni modo potrai sempre modificare il nome dell’account, ti basterà andare nei setting. Inserire una parola chiave nel nome, triplica le possibilità di essere nei risultati di ricerca. Ma se il tuo nome non contiene una parola chiave, non preoccuparti: la inserirai testo della bio.

 

 

Migliora la foto del profilo: è quella più vista.

Fai in modo che rifletta la personalità del tuo Brand e dei contenuti visivi che posterai. È la prima cosa che vedono le persone che hanno fatto una ricerca e quelle che visitano il tuo profilo. Puoi usare il logo del vostro Brand o un’altra immagine che sia familiare al tuo pubblico.

Ricordati che l’immagine di profilo è circolare e Instagram taglia l’immagine sugli angoli, quindi evita che ci siano parti illeggibili. Rispetta le dimensioni minime consigliate: 110x110. Evitate immagini stretcciate o sgranate.

 

Impostazioni dell’account Instagram aziendale

 

Ottimizza la tua biografia

Hai a disposizione 150 caratteri, dovrai essere diretto e conciso. Racconta al tuo pubblico chi sei e quello che fai. Raccontalo con personalità. Nella Bio puoi taggare chi vuoi. Usa gli hashtag inserendo quelli più usati dal tuo pubblico, così avrai più possibilità di entrare nei risultati di ricerca su Instagram. Gli utenti utilizzano molto anche le parole chiave per fare ricerca, come testimonino anche i post di SocialMediaExaminer. Con la stessa logica vanno scelti anche gli emoji, così da valorizzare anche l’aspetto visivo.

 

La tua biografia è l’unico posto in cui puoi inserire link cliccabili e generare traffico verso un sito esterno. Molte aziende modificano i link in funzione della campagna in corso.

 

È molto importante che questo link sia preceduto da una call-to-action.

È utile per chiedere al pubblico di compiere un’azione specifica.

Se poi riesci anche a tracciare il traffico generato, con strumenti esterni ad Instagram meglio ancora: ti permetterà di avere un doppio controllo sui dati. Anche in questo caso, gli emoji tornano utili per attirare l’attenzione sul link.

Ci sono poi anche dei tool specializzati per gestire i link di Instagram: BitlyGoo.gl e Linktree.

La maggior parte degli utenti usa Instagram da mobile, assicurati che il sito di destinazione offra una ottima user experience, soprattutto se la pagina di destinazione deve vendere.

 

Fai dei test A/B, se vuoi ottenere il massimo dal testo della tua bio.

Le variabili da analizzare sono due: testo della Bio e CTA (call-to-action), testale separatamente. Prepara 5 varianti di testo, per l’una e per l’altra. Testale per uno stesso periodo di tempo e verifica quale combinazione ottiene risultati migliori.

 

La categoria di business viene presa da Facebook

Potrai comunque cliccare su “Modifica Profilo”, scrolla fino a “Informazioni sull’azienda” e clicca a destra di “Categoria”.

 

Indica la sede fisica della tua attività

Questo renderà più facile la tua geolocalizzazione e ti permetterà di accedere a funzionalità aggiuntive (Es. Event Brite).

 

 

Instagram business account

 

 

Impostazioni dell’account Instagram aziendale

 

Clicca sul menù in alto a destra poi, in fondo alla tendina che si apre, su “Impostazioni” o “Settings”.

Da qui cambi la password, vedi i like che hai fatto, attivi le notifiche e altro.

 

Ecco le prime cose da verificare:

 

Instagram aziendale

 

Opzioni relative alle storie

Da qui puoi gestire chi vede e risponde alle tue storie su Instagram.

Verifica gli amici più stretti,

Fai in modo che tutti possano vederle.

Consenti la condivisione.

Puoi decidere se condividerle automaticamente anche sul tuo profilo Facebook e impostare le opzioni di salvataggio.

 

 

Opzioni relative ai Commenti

Consenti i commenti di tutti.

Attiva il filtro “Nascondi i commenti offensivi”

Attiva il filtro manuale. Qui potrai inserire delle parole specifiche da filtrare o filtrare le parole più segnalate.

 

Ricevere commenti, di solito, è una buona notizia. Ma a volte i commenti possono andare contro il nostro pubblico e la nostra etica. Instagram permette di nascondere automaticamente i termini e le parole chiave che possono urtare la sensibilità del pubblico. Nel caso di offese o di un lessico scurrile, solo per fare un esempio, potranno essere nascosti i commenti e segnalato l’autore. Anche per questo è possibile personalizzare le parole che riteniamo offensive.

 

Instagram account aziendale

 

Aggiunta di altri account

Dal menù “Impostazioni” clicca sul link “Aggiungi account” e segui la procedura guidata.

Se gestisci più account Instagram, questa funzionalità ti sarà utile per passare da uno all’altro con facilità (max. 5 account). E più collaboratori potranno utilizzare uno stesso account.

Assicurati di tenere aggiornato il calendario editoriale, così ognuno sa quando e cosa postare.

Per passare da un account all’altro, vai sul tuo profilo e clicca sullo username in cima allo schermo.

Poi scegli l’account che vuoi usare.

 

Ci siamo, sono questi i primi passi per ottimizzare il tuo account Instagram per il business.

Per approfondire la fase di Setting del tuo Instagram aziendale, potresti leggere: Instagram Marketing di Hubspot.

Torna all'inizio

 

 

 

matrix algoritmo

Introduzione all’algoritmo di Instagram

Quando entriamo nel merito di come le persone vedono e interagiscono con i tuoi post su Instagram, i fattori da prendere in considerazione sono molteplici.

Capire come funziona l’algoritmo di Instagram, ti aiuterà a massimizzare il tuo sforzi nel marketing: aumenterà la visibilità del tuo Brand, ti permetterà di raggiungere nuove persone e di avvicinare nuovi clienti.

Quando pensi all’algoritmo di Instagram parti dal presupposto che è in continuo cambiamento: dipende principalmente dall’engagement, da quanto tempo le persone dedicano ai tuoi contenuti.

 

L’interazione con i contenuti si fonda su 4 aree di Instagram:

  • L’interazione con i contenuti del tuo feed. Non è solo il tempo che le persone dedicano alle tue foto, ma anche alla lettura dei testi. Un’attività di micro blogging che viene presa in considerazione dall’algoritmo.
  • L’interazione con le tue Stories. Non solo quante persone le guardano, ma anche se utilizzano gli stickers interattivi, se rispondono alle domande, …, Per l’algoritmo di Instagram è molto importante la partecipazione del tuo pubblico.
  • Il pubblico di Instagram Live. In questo caso la fruizione dei contenuti è in tempo reale e questo aspetto è molto importante per l’algoritmo.
  • In quanti guardano la tua IGTV. È l’ultima funzionalità introdotta e permette un nuovo modo di fruire i contenuti. Sicuramente l’algoritmo terrà conto anche di queste interazioni.

 

Per Instagram questi 4 aspetti hanno un ruolo importante per sceglie quali dei tuoi contenuti mostrare e a chi mostrarli. Ecco cosa ne pensa Sue Zimmerman.

 

 

team

 

3 aspetti rilevanti per i profili aziendali Instagram

 

Interesse e rilevanza

Instagram da la priorità a due tipi di post: quelli più interessanti per il pubblico e quelli che hanno grande rilevanza rispetto ai post con i quali hai interagito in passato.

È stato un grande cambiamento, passare dall’ordine cronologico all’algoritmo attuale.

 

Oggi, Instagram capisce come siamo connessi agli altri utenti, capisce il nostro intento di ricerca e ci suggerisce dei topics (argomenti) che ci interessano. Tutto questo grazie anche al nuovo algoritmo. Dalla sua introduzione, il lavoro per i marketers e gli influencers si è fatto più difficile.

Qualcuno dice che solo il 10% del suo pubblico vede i contenuti in modo organico.

Se consideriamo che i contenuti brandizzati, su Facebook, vengono mostrati in modo organico all’1% del pubblico, …

È fondamentale che i contenuti siano utili, interessanti e rilevanti per il tuo pubblico.

 

Attualmente, il 90% dei feed di ogni utente è popolato da contenuti di amici e familiari. Ma il concetto di amico è piuttosto ampio. Se una persona fa un paio di like ai contenuti di qualcuno, subito cominci a vedere diversi suoi post, anche se non sono così recenti. E questo ci porta al secondo aspetto da considerare.

 

 

Tempestività e opportunità

Per quanto Instagram non funziona più in ordine cronologico, considera comunque importante questa variabile. Utilizza questa logica per riorganizzare i contenuti che l’utente si è perso dalla sua ultima visita. Questo vuol dire che se un tuo amico ha postato 5 foto dal tuo ultimo accesso, le vedrai tutte. Saranno mixate con gli altri contenuti top del tuo feed. Vuol dire che se l’utente refresh a spesso il proprio feed, tenderà a vedere un maggior numero di contenuti di amici e familiari.

Per un marketer questo vuol dire che i post vanno fatti nelle ore in cui il suo pubblico è più attivo.

Quindi arriviamo al terzo aspetto da trattare.

 

 

La relazione

Questo aspetto è molto legato alla rilevanza dei contenuti, perché ha a che fare con gli account con cui interagiamo. L’algoritmo considera i like e il tempo che gli utenti passano sui post. Ma considera anche la relazione che hai con il tuo pubblico su Facebook per definire la vostra relazione su Instagram.

Per i brand vuol dire che se un utente passa molto tempo su un contenuto, probabilmente, sarà più propenso a rivederlo e a utilizzarlo.

 

Un altro fattore che incide sulla relazione che abbiamo con gli altri utenti, secondo Instagram, è il modo in cui cerchiamo le persone: quando cerchiamo il nome di una persona o di un brand, aumentiamo la visibilità dei suoi contenuti nel nostro feed.

 

Questo vuol dire che i Brand devono interagire REGOLARMENTE con il proprio pubblico. Fai domande dirette, rispondi ai commenti, commenta i loro contenuti. Così sarai più presente nei feed dei tuoi amici.

 

 

adesivi insta

3 aspetti importanti per l’algoritmo di Instagram

 

Frequenza

Misura ogni quanto l’utente entra, ogni volta Instagram vuole mostrargli il contenuto migliore dalla sua ultima visita.

 

 

Seguiti

Maggiore è il numero di persone seguite dall’utente, maggiori sono le fonti da cui Instagram attinge per popolare il tuo feed. Se segui molte persone, vedrai meno contenuti dei singoli utenti o brand.

 

 

Utilizzo

È la durata che determina quali contenuti vedranno gli utenti. Chi accede spesso, tenderà a vedere i contenuti migliori in base alla loro priorità. Se è passato più tempo dall’ultimo accesso, Instagram crea il mix di contenuti attingendo più in profondità.

Ma, continuando a scrollare, è comunque possibile vedere tutti i post delle persone e dei Brand che seguiamo.

 

 

Altri aspetti da considerare.

  • Instagram non fa differenza tra foto e video. Un tipo di contenuto può avere un ranking più elevato, perché è piaciuto di più al pubblico.
  • Il Feed di Instagram non privilegia i contenuti a seconda che siano Stories, Live o IGTV.
  • Non importa se il tuo account è business o personale. Instagram non da maggiore visibilità ai contenuti dell’uno o dell’altro. L’importante è che i contenuti siano coinvolgenti.
  • Instagram smentisce, ma lo shadowbanned sembra esserci (lo dicono diversi indicatori). Cos’è lo shadowbanned? È l’azione di bloccare un utente, senza che l’utente stesso ne sia informato. È una funzionalità presente in molti social media. Se vieni shadowbannato su Instagram, i tuoi contenuti non appaiono più nei feed di quelle persone. Anche se continuano a seguirti. Può capitare utilizzando i boot, oppure troppi hashtag o perché si seguono troppe persone. Si può essere shadowbannbannati anche perché si associa un hashtag popolare a contenuti inappropriati. In questo caso, Instagram impedisce di utilizzare l’hashtag per un certo periodo di tempo. Per approfondire questa tematica, leggi: “Everything We've Discovered About Instagram's Secret Shadowban” https://blog.hubspot.com/marketing/instagram-shadowban

 

 

I suggerimenti di Sue Zimmerman per rendere più visibili i tuoi contenuti

 

Chi utilizza Instagram per fare business dovrebbe pubblicare costantemente nuovi contenuti.

Se non posti, non succede niente. O no?

 

Ecco i suggerimenti di Sue per rendere più visibili i contenuti, per farli piacere all’algoritmo di Instagram e, soprattutto, al tuo pubblico.

  • Posta spesso. Soprattutto le Stories tendono ad essere più coinvolgenti, hanno un engagement più elevato. Questo aumenta le tue possibilità di apparire nel feed degli altri utenti.
  • Fai domande. È il modo più diretto per aumentare il coinvolgimento del tuo pubblico.
  • Rispondi ai commenti. Puoi farlo anche in modo rapido, rimandando a un’interazione successiva. Crea affinità con chi ti segue.
  • Usa i tranding hashtag. Ci sono molti tools come Hashtagify che ti saranno utili per trovare gli hashtag migliori per i tuoi topic.
  • Posta foto e video di qualità. Soprattutto su Instagram, la qualità visiva dei contenuti è molto importante. Più sono belle le tue foto e i tuoi video, più le persone vengono coinvolte.
  • Usa i video Live e promuovili in.anticipo. L’interazione in tempo reale del pubblico, aumenta notevolmente la visibilità del contenuto.
  • Crea un pod Instagram. Sono gruppi di persone che aumentano l’engagement a vicenda, facendo in modo che i contenuti vengano visualizzati di più. Nel corso Instagram on Fire trovate 4 community italiane dedicate all’apprendimento e al Marketplace. Per approfondire il tema del pod Instagram puoi leggere: “Everything You Need to Know About Instagram Pods, the New Way Influencers Are Gaming the Algorithm
  • Lavora con gli influencers e fatti taggare nelle collaborazioni.
  • Prendi in considerazione la pubblicità su Instagram. Puoi aumentare la tua visibilità rapidamente e utilizzare le funzionalità di targettizazione di Facebook. Così da sfruttare al massimo il livello di engagement offerto da Instagram.

Torna all'inizio

 

 

 

Insights Instagram

Gli insights di Instagram

Gli insights sono tra i benefici principali di avere un profilo business su Instagram. Anche se non è un tool robusto, ti fornisce comunque delle informazioni importanti sull’efficacia dei tuoi contenuti, che possono aiutarti a migliorare la tua strategia su questo social network.

 

Quando guardi gli insights ci sono tre tab: attività, contenuti e pubblico. Puoi vedere quante impression hanno ricevuto i tuoi contenuti, quanti like, commenti, condivisioni, quante volte il post è stato salvato, quante visite al profilo ha generato. Puoi vedere anche i dati demografici del tuo pubblico, il momento migliore per postare, il luogo dove hai maggiore visibilità, quanti follower hai guadagnato nei diversi giorni della settimana e nei diversi orari della giornata.

 

Per accedere agli insights visita il tuo profilo, apri il menù in alto a destra e clicca su “dati statistici”. Prima di entrare nel dettaglio vediamo quali sono i limiti di questo strumento: è accessibile solo da mobile, i dati non possono essere scaricati, il periodo di analisi non può essere modificato e riguarda l’ultima settimana. Per questo è importante utilizzare anche un altro tool di analisi (nel corso Instagram on Fire ve ne saranno suggeriti più di 150).

 

Cominciamo dalla tab “Attività”

 

Il primo dato riguarda le “interazioni”.

Misura le azioni compiute dagli utenti che interagiscono con il tuo profilo e in quali giorni sono state fatte. Cliccando sulle barre dell’istogramma, puoi vedere quante azioni sono state compiute giorno per giorno.

 

I “dati statistici”

Misura quante persone vedono i tuoi contenuti e dove si trovano. Copertura indica gli account unici che hanno visto i tuoi post, impression indica il numero totale di volte che i tuoi contenuti sono stati visti.

 

Questi sono tra i dati più importanti da monitorare quando cambiamo la nostra strategia su Instagram o lanciamo una nuova campagna.

 

 

La tab “Contenuti”

Qui puoi vedere le performance dei tuoi contenuti.

 

“Post del feed”

Mostra quale post sta avendo le performance migliori. La cosa utile di questa funzione è che cliccando su “Mostra tutto” è possibile vedere tutti i contenuti pubblicati nell’ultimo anno e ordinarli per mi piace, interazioni, impression, visite al profilo, condivisioni, copertura, click sul link, telefonate, … Per scegliere come ordinare i tuoi post, basta cliccare sui link che precedono le immagini. Questi filtri ti aiutano a capire quali contenuti hanno funzionato meglio in relazione ad obiettivi specifici. Se un post ha generato molti commenti, e questo è il tuo obiettivo principale su Instagram, creerai altri post dello stesso tipo.

Lo stesso principio vale per quelli che hanno generato più click, telefonate o email.

Questo tipo di informazioni può essere visto anche per le storie e per le promozioni.

 

 

“Promozioni”

Da qui puoi scegliere i post che vuoi promuovere, vedere quelli che sono già in promozione e vedere le attività delle campagne concluse. Ogni campagna ha le sue metriche specifiche a seconda del tipo di campagna che hai realizzato. Ricorda che puoi vedere le tue campagne anche da Facebook Business Manager, che ha più funzionalità e strumenti di gestione per le campagne.

 

 

La tab “Pubblico”

Qui trovi quello che ti serve sapere sui tuoi followers. Quanti sono e che variazione c’è stata rispetto alla settimana precedente, in quali località si trovano, l’età che hanno, il loro genere e a che ora sono più attivi.

L’ultima metrica è tra le più utili, perché postare nelle ore in cui il tuo pubblico è più attivo, ti aiuterà ad aumentare l’engagement dei tuoi contenuti.

 

Analizzare con attenzione gli insights ti aiuterà a scoprire dettagli importanti sul tuo audience, quali contenuti funzionano meglio e quali risultati stai ottenendo con le promozioni.

Capire queste metriche è fondamentale per la tua strategia di marketing su Instagram, quindi assicurati di guardarle costantemente e di modificare la tua strategia di conseguenza.

Torna all'inizio

 

 

 

fotografia

Le tipologie di post da fare su Instagram

 

Ora che hai creato il tuo account business e ci hai preso un minimo di confidenza, è ora di iniziare a pubblicare i contenuti. Potrai postare foto, video e storie. Di seguito alcune best practices per aumentare l’engagement del tuo pubblico.

 

Le foto

Le foto sono ancora i post più comuni su Instagram. E fotografare, vuol dire catturare la luce.

Quando posti delle foto è importante variare. Così potrai coinvolgere il pubblico in più modi. 

Ricordati che le persone non apprezzano le foto pubblicitarie, quindi cerca di fare post originali che non puntino a vendere il prodotto ma a valorizzare il Brand. Cerca di rappresentare la vostra cultura aziendale, con scatti di lifestyle e punti di vista inediti sul dietro le quinte. Evita di pubblicare troppe foto di prodotto.

Anche da questo punto di vista, Nike è un buon esempio. Include foto di prodotto, ma nella maggior parte dei casi fotografa atleti, concerti, eventi sportivi e altri tipi di contenuti che parlano della personalità del brand.

 

Nike on Instagram

Usa la creatività. Prendi nota di concept e stili che potrebbero esserti utili. Qui puoi trovare 18 tipi di post da cui trarre ispirazione.

 

Dietro le quinte

Questo tipo di immagini mostrano degli aspetti della tua attività che solitamente le persone non vedono. La chiave fondamentale perché funzionino è la spontaneità.

 

Berte on Instagram

Riposta le foto dei dipendenti

Guarda i profili dei tuoi dipendenti e sugli le foto migliori, capaci di raccontare la vita in azienda (ricordati di taggare l’autore). Ripubblicare le foto dei tuoi dipendenti è un modo semplice per avere nuovi contenuti originali e per rendere più umano il Brand. Non solo il pubblico interagirà con la tua azienda, ma comincerà a familiarizzare anche con le persone che ci lavorano.

 

Post educational

I post educativi sono quelli che suggeriscono come fare qualcosa. Foto e video, presentano le istruzioni in modo chiaro e facile da seguire.

 

In questo esempio potete vedere come fare un toast esagerato.

toast e uovo

 

Post degli influencers

Questi post sfruttano la popolarità di un personaggio pubblico, per promuovere il tuo Marchio. Spesso rappresentano l’influencer mentre utilizza il prodotto. Uno dei benefici principali di questa tipologia di post è la possibilità di catturare l’attenzione di un pubblico vasto e nuovo.

 

In questo esempio vedete Chiara Ferragni in total look Fendi.

 

Ferragni-Fendi

Post motivazionali

Un post motivazionale combina un Visual semplice con una citazione o una frase edificante: incoraggia il tuo pubblico e amplifica i valori del Brand. Perché questi post non sembrino scadenti, è importante farli con parsimonia. Applicazioni come Typic ti aiutano ad aggiungere il testo alle immagini, rispettando le linee guida del tuo Brand.

 

Ad esempio Foundr condivide spesso questo tipo di post per incoraggiare i propri utenti che sono per lo più imprenditori, marketer, proprietari di piccole aziende e venditori.

 

Post motivazionali Foundr

User-Generated Content

Sono post creati dai vostri fans che puoi ripubblicare sul profilo dell’azienda. Suggerisci al tuo pubblico di usare gli hashtag del tuo Brand e avrai delle fonti da cui attingere. Condividere i post dei vostri utenti, non solo li renderà felici, ma dimostrerà anche quanto li hai a cuore. Come nel caso dei re-post dei dipendenti, assicurati di taggare l’autore del post. Applicazioni come Repost per Instagram ti aiuteranno a farlo nel migliore dei modi.

 

Post delle feste e delle giornate mondiali

Natale, Capodanno, Pasqua, Ferragosto, … sono molte le festività a calendario. A queste si aggiungono le giornate mondiali dedicate all’Acqua, all’Aids, della Gioventù, della Terra, del Gelato, della Risata, ….

Trova quelle più in linea con i valori del tuo Brand e prepara dei post dedicati: solitamente queste occasioni riscuoto un grande successo sui social media. Sperimenta festività ed eventi locali, nazionali e mondiali.

 

Ecco un esempio per la giornata mondiale dell’acqua. 

 

Instagram post giornata mondiale dell’acqua

 

 

 

Come fare delle belle foto

Ora che abbiamo visto che tipo di foto puoi pubblicare su Instagram, esaminiamo alcuni aspetti che faciliteranno il successo dei tuoi contenuti.

A differenza di altri social media, Instagram ti obbliga a concentrarti sulla qualità dei contenuti ... non sulla quantità.

Anche se questo è ottimo per il coinvolgimento degli utenti, significa anche che non ti conviene pubblicare contenuti mediocri. Quindi la prima da cosa da fare è verificare la risoluzione delle immagini.

Le immagini quadrate devono essere 1080 x 1080px. Le immagini orizzontali 1080 x 566 px e le immagini del profilo devono essere 1350 x 1080 px. Indipendentemente dalle dimensioni che carichi, ogni immagine verrà visualizzata come un quadrato nel feed del profilo.

 

Scattare con il telefono

Forse ti stai chiedendo “Come posso fare delle belle foto, senza una buona macchina fotografica?” Non ti preoccupare. Le fotocamere dei cellulari ormai hanno una tecnologia che può rivaleggiare con macchine fotografiche da 900 euro. Per fare foto straordinarie, non è più indispensabile avere fotocamere professionali. Tu (sì, proprio tu!) puoi scattare foto che il tuo pubblico apprezzerà, utilizzando uno strumento che hai già in mano. Ecco alcuni suggerimenti per farlo.

 

Segui la regola dei terzi.

Per migliorare la composizione fotografica, attiva la griglia della videocamera. Cerca di posizionare il soggetto all'intersezione di linee verticali e orizzontali. Questa tecnica, nota come regola dei terzi, è popolare tra pittori, illustratori e fotografi. Ricorda che posizionare il soggetto fuori centro, crea un leggero squilibrio che cattura l'attenzione dell'osservatore.

 

Instagram post regola terzo

 

Concentrati su un solo soggetto

Si dice che il lavoro di un fotografo sia creare semplicità dal caos. Uno sfondo affollato, con più soggetti in campo, distrae dal soggetto principale del tuo scatto. E può anche confondere il pubblico.

Meglio concentrarsi su un singolo soggetto per ogni scatto. Rimuovi le distrazioni ritagliando la foto o scattando su uno sfondo pulito.

Instagram post ritratto

 

Usa gli spazi negativi

Lo spazio negativo è lo spazio vuoto intorno al soggetto. Così attirerai l'attenzione sul soggetto principale della tua immagine, evitando che dia un senso di affollamento.

 

Spazi negativi Instagram post

 

Cerca un punto di vista sorprendente

Le persone sono abituate a guardare il mondo ad altezza occhi. Per creare foto sorprendenti, i fotografi del National Geographic usano scatti da diversi punti di vista. Sperimenta diverse angolazioni, per trovare nuove prospettive sui luoghi comuni. In questo caso, la foto è stata scattata ad altezza elefante.

 

punto di vista sorprendente Instagram post

 

 

Sfrutta simmetria e patterns

L'occhio umano è naturalmente attratto da forme e oggetti simmetrici. A volte, è utile rompere la regola dei terzi e centrare l’immagine.

Le persone sono anche attratte dagli schemi (patterns). Possono essere fatti dall'uomo, come un pavimento piastrellato o naturali, come petali di un fiore. Per rendere l’immagine davvero interessante, rompi il modello con il soggetto della tua foto.

 

Patterns Instagram post

 

Usa la luce naturale

L'illuminazione a soffitto crea ombre e luci che creano indesiderate aree scure e chiare nelle foto. Per evitarlo, se possibile utilizza una luce naturale soffusa. Cerca di scattare le foto accanto a una finestra e per le riprese all'aperto, la mezz'ora appena prima del tramonto e dopo l’alba offre spesso l'illuminazione migliore perché il sole è basso.

 

Luce naturale Instagram post

 

 

 

Filtri e editing delle foto

Vi siete mai chiesti perché alcune foto sembrano così belle? Sicuramente “l’occhio del fotografo” è il principale motivo, ma anche i filtri e il fotoritocco hanno la loro importanza. La modifica delle foto richiede pochi minuti e può avere un impatto enorme sulla qualità. E Instagram nasce proprio per rendere semplici questo tipo di operazioni.

Per prima cosa, inizia con una bella foto. Nessuna modifica può correggere le foto, se composizione o illuminazione non vanno bene.

Ci sono anche delle applicazioni di foto editing che potrebbero esserti utili. Snapseed è un'app di editing gratuita che permette di applicare effetti come HDR e contrasto tonale, regolare luminosità, contrasto, saturazione e di prendere spunto dalle combinazioni di effetti utilizzate da fotografi professionisti.

VSCO è un'altra app di editing con numerosi filtri gratuiti che assomigliano a titoli cinematografici.

Quando carichi la tua foto modificata su Instagram, verrà automaticamente ritagliata in un quadrato. Per riportarlo alla larghezza originale, premere l'icona le due frecce rivolte verso l’esterno. A questo punto, puoi aggiungere ulteriori filtri Instagram, ma non impazzire. Ogni filtro ha una sua personalità e può cambiare drasticamente una foto. Poi prova a regolare la luminosità. Apporta le modifiche finali utilizzando gli strumenti di modifica di Instagram. Premi Modifica per regolare l'allineamento, la luminosità, il contrasto, la struttura della tua foto e altro ancora. Premi Avanti quando hai finito di aggiungere dettagli finali e pubblicare.

 

 

 

 

 

I video

Instagram ti consente anche di caricare video, purché non siano più lunghi di un minuto. Puoi scaricare video dal tuo computer o da un'app mobile. Splice è uno strumento di modifica gratuito (degli stessi ragazzi che hanno creato GoPro) che ti consente di tagliare più clip e aggiungere transizioni, titoli e musica. I video predefiniti di Instagram hanno la riproduzione senza audio. Per cui assicurati che, almeno i primi secondi dei tuoi video, non abbiano bisogno di audio per essere capiti. Puoi utilizzare la didascalia o i prompt per attivare il suono.

 

Boomerang

Apri il tuo Instagram e tocca l'icona della fotocamera nell'angolo in alto a sinistra della schermata principale. Questa è la fotocamera in-app. Puoi anche accedervi scorrendo a destra sullo schermo. Guarda le impostazioni in basso. L'impostazione Normale, con cui è impostata la fotocamera, scatta foto. Vedrai che la prima impostazione a destra è Boomerang, che impiega tre secondi per riprodurre video in loop (che vanno avanti e indietro). Questi tipi di post sono divertenti per situazioni come saltare, indossare occhiali o quando diamo il cinque.

Puoi anche scaricare l'app Boomerang di Instagram per avere un posto separato per catturare video boomerang.

 

Hyperlapse

Il tuo video è troppo lungo per Instagram? Puoi usare Hyperlapse per ridurne la durata, così da poterlo postare.

Crea time lapse fluidi, con la stabilizzazione integrata. Per creare i tuoi video Hyperlapse, scarica l'app e consentigli di accedere alla tua videocamera. Tocca il cerchio per avviare e interrompere le registrazioni. Una volta terminata la registrazione, puoi scegliere una velocità di riproduzione tra 1x e 12x. Salva il video finale sul tuo telefono, per caricarlo successivamente.

 

Instagram Story

 

Instagram Story

Le storie di Instagram consentono agli utenti di postare con una frequenza più alta, senza intasare il feed principale. Solitamente contengono foto e video meno raffinati. Come su Snapchat, scompaiono dopo 24 ore.

Le storie sono più autentiche. Se il tuo feed di Instagram dovrebbe presentare foto accurate, le storie possono essere più rough. Puoi usarle per raccontare il dietro le quinte o mostrare la vostra cultura aziendale. Ad esempio, nel vostro ufficio possono entrare i cani? Condividi le loro immagini nelle tue storie. Le storie sono utili anche per mostrare gli eventi dal vivo, perché questa funzione è molto più sensibile al fattore tempo.

 

 

 

 

 

Come pubblicare le storie su Instagram

Hai tre opzioni: toccando la fotocamera in alto a sinistra, cliccando su “La tua storia” nella parte alta del feed o scorrendo con il dito verso destra per attivare la fotocamera.

 

Vediamo le impostazioni della fotocamera di cui non abbiamo parlato in precedenza.

  • In diretta: riprende e pubblica contenuti dal vivo.
  • Testo: crea post testuali.
  • Superzoom: aggiunge uno zoom animato al video.
  • Ritratto: ideale per riprendere i volti, sfuocando lo sfondo.
  • Rewind: fa andare il video al contrario.
  • Senza tenere premuto: permette di effettuare le riprese, senza tenere premuto.

Come nella fotocamera del telefono, l'icona del fulmine controlla il flash e l'icona a forma di freccia cambia la vista. Con le storie è facile aggiungere personalità ai contenuti. Scorrendo verso destra o verso sinistra, avrai accesso ai filtri. Selezionando l’icona della penna, potrai scegliere un colore o fare uno scarabocchio.

L’icona dello smile permette di aggiungere una posizione, GIF, musica, sondaggi e molte altre funzioni divertenti.

Instagram ti consente anche di taggare un altro account nella tua storia, un ottimo modo per entrare in contatto con altre aziende e con i tuoi follower. Per taggare qualcuno, digita "@" seguito dal nome utente che desideri menzionare. Ciò rende il tag selezionabile in modo che gli spettatori possano visitare il profilo citato. Se verrai menzionato nelle storie di qualcuno, riceverai una notifica.

Quando sei pronto per pubblicare, premi l'icona “La tua storia” o salvala sul rullino fotografico per pubblicare in seguito. Le storie appaiono in cima al feed di Instagram e sulla tua immagine di profilo.

Per vedere chi ha visualizzato i tuoi contenuti, scorri verso l'alto durante la visualizzazione della tua storia.

 

 

 

Instagram Live

Come accennato in precedenza, Instagram ha un'opzione live video che ti permette di condividere il contenuto in tempo reale. Per avviare un video dal vivo, apri la fotocamera Instagram, scorri fino all'impostazione “In diretta” e fai clic sul pulsante “Trasmetti in diretta”.

Una volta avviato il video dal vivo, tutti i tuoi follower riceveranno una notifica e potranno commentare il video usando la chat integrata. Il video in diretta dovrebbe essere usato con parsimonia, per mostrare contenuti entusiasmanti in tempo reale o momenti coinvolgenti come “domande e risposte”.

 

Instagram Live

 

 

 

IGTV

Instagram TV, o IGTV, è l'ultima offerta video di Instagram. È disponibile sia nella versione integrata in Instagram, sia come app a se stante. Gli utenti possono visualizzare video in formato lungo e verticale come video di cucina, interviste, presentazioni di prodotti, tutorials, … Sono questi i contenuti che solitamente troviamo su IGTV.

Qual è la differenza tra Instagram Live e IGTV? IGTV permette di lavorare al video prima di pubblicarlo, Instagram Live è il bello della diretta.

Per iniziare a pubblicare, scaricare l'app IGTV, crea un canale e carica un video che dura tra 15 secondi e 10 minuti. I video degli account verificati possono durare fino ad un’ora.

Ad oggi, i video IGTV possono essere visualizzati solo su dispositivi mobili tramite l'app Instagram o IGTV: la piattaforma non supporta la visualizzazione desktop.

 

 

 

Come scrivere su Instagram

Un'immagine può valere più di mille parole, ma le parole sono sempre importanti (anche su Instagram).

Scrivere didascalie straordinarie può essere difficile, per questo abbiamo riassunto alcuni suggerimenti.

 

Non avere fretta

Scrivi diverse alternative e chiedi l’opinione di amici o colleghi di lavoro. Instagram ha recentemente modificato il suo algoritmo per personalizzare i feed di ciascun utente, per renderli più coinvolgenti. La visibilità di ogni post dipende dal numero di Mi Piace e Commenti che riceve.

Prenditi il tempo che serve per scrivere un testo che ispiri il tuo pubblico.

 

Valuta la lunghezza del testo

Puoi utilizzare fino a 2.200 caratteri (spazi inclusi). Indipendentemente dalla lunghezza, gli utenti possono vedere solo le prime 3 o 4 righe di ciascuna didascalia. Per leggere il resto devono cliccare su “altro”.

Per questo l’attacco del testo è fondamentale.

 

In effetti, Instagram può essere un ottimo mezzo per lo storytelling. Ad esempio, Humans of New York scrive didascalie lunghe con citazioni delle persone che fotografano.

 

instagram-marketing-33

 

Engage, Engage, Engage

Includi sempre una call-to-action nella didascalia. Incoraggia il tuo pubblico a cliccare Mi piace, commentare e condividere la tua foto. Puoi anche utilizzare la didascalia per indirizzare le persone alla tua bio, dove troveranno un link a un nuovo prodotto o a un nuovo blog post. Ricordati solo aggiornare il link, in modo che corrisponda al contenuto che vuoi diffondere.

 

Includi un geotag. Sapevi che i post geo-taggati con una località hanno un coinvolgimento superiore del 79%? L'aggiunta di un geotag offre agli utenti un modo in più per trovare i tuoi contenuti, il che può portare a un maggiore coinvolgimento.

 

Trova il tuo tono di voce

Ogni social media ha il proprio tono di voce. Quello che funziona su Facebook, potrebbe non funzionare su Instagram. Su Instagram, i post con un tono spensierato e autentico tendono a dare il meglio. Usa anche gli emoji, per caratterizzare il tono di voce del tuo Brand. Ricorda che sviluppare il tono di voce del tuo Brand richiede tempo: non aspettarti di riuscirci dal giorno alla notte.

Se hai dei dubbi su cosa scrivere, scegli la sintesi. La correlazione tra engagement e lunghezza del testo non è così rilevante e un testo breve lascia parlare l’immagine.

 

 

Torna all'inizio

 

 

 

 

Come usare gli Hashtag su Instagram

I feed di Instagram cambiano continuamente: ogni giorno vengono condivise 80 milioni di foto.

Con così tanti contenuti potrebbe non essere facile farsi notare. Per questo gli hashtags sono così importanti: raggruppano i contenuti di molti utenti in un solo feed, ma solo quelli degli account pubblici appaiono nella ricerca per hashtag.

 

La pagina dei risultati di ricerca si divide in due parti:

  1. Più popolari: mostra i contenuti con il coinvolgimento maggiore.
  2. Recenti: mostra i contenuti in ordine cronologico.

Usare gli hashtag è semplice e ne puoi inserire fino a 30 per ogni post. Ricorda che il tuo account deve essere pubblico, per apparire nei risultati di ricerca.

 

Come scegliere un hashtag per Instagram

Come scegliere gli hashtag migliori per ogni post? Facendo brainstorming di parole chiave correlate e cercando le tendenze rilevanti all'interno di Instagram stesso.

 

hashtag Instagram

Comincia dalla tab “cerca” (la lente di ingrandimento nel menù in basso) e clicca su “cerca”. Poi seleziona “tag” e inserisci nella barra di ricerca quello più generale che hai in mente. Vedrai quelli più diffusi e quante volte sono stati utilizzati.

Clicca su quello che ti sembra più appropriato e guarda i contenuti che ti vengono proposti. Poi annota gli hashtag che hanno usato le altre persone e che potrebbero andar bene anche per il tuo post.

Ora, a quelli più diffusi, associa quelli più specifici così da aumentare sia la copertura, sia la pertinenza del tuo post. Non dimenticare di creare un hashtag per il tuo Brand.

Molte aziende utilizzano i propri hashtag per distribuire un nuovo prodotto, gestire una campagna Instagram, promuovere un evento e raccogliere contenuti generati dagli utenti.

Se vuoi fare lo stesso per la tua attività, assicurati che il tuo hashtag non venga utilizzato per altri scopi e incoraggia il tuo pubblico a usarlo.

 

tag Oreo

 

Gli hashtag possono venire suddivisi in 3 gruppi distinti: grandi, medi e piccoli.

Il segreto per scegliere quelli giusti è quello di scegliere 10 hashtag piccoli, 10 medi e 10 grandi.

Ma qual è la differenza tra questi 3 gruppi di hashtag?

 

È molto semplice:

  • Gli hashtag piccoli hanno un volume compreso tra 0 e 999.000 post
  • Gli hashtag medi  tra 1 e 5 milioni di post
  • Gli hashtag grandi dai 5 milioni di post in su

 

Scegli gli hashtag in base a quanti sono i tuoi follower.

Puoi usare questa semplice formula:

Volume hashtag = [Numero di follower X 100]

 

Immaginiamo di avere un profilo con  1.000 follower.

Applichiamo la formula precedente: (1.000 x 100) = 100.000.

Vuol dire che i nostri hashtag piccoli avranno un volume di circa 100 mila post.

Così avremo più probabilità che la foto si piazzi nei post popolari, aumentando esponenzialmente la visibilità, i like, le interazioni e i follower.

 

 

Come formattare gli hashtag su Instagram

Adesso vediamo come inserire gli hashtag nel tuo contenuto. La prima cosa è NON essere SPAMMOSI.

Puoi inserirli nel testo della didascalia oppure alla fine. Funzionano comunque, indipendentemente da dove sono posizionati.

 

Quanti hashtag utilizzare per ogni post? Diverse ricerche suggeriscono che 11-12 hashtag garantiscono un bel po’ di interazioni. Stefano Mongardi suggerisce di arrivare fino a 20. Il limite imposto da Instagram è di 30. Sta a te sperimentare e valutare cosa è meglio per i tuoi contenuti.

Ricorda di inserire un hashtag del tuo Brand e almeno uno tra quelli più diffusi.

Ci sono alcuni tools che possono aiutarti a scegliere gli hashtag più efficaci per te, quello che utilizzo attualmente è HashtagforLikes.

Torna all'inizio

 

 

 

Come aumentare i follower Instagram

Aumentare i follower su Instagram richiede tempo ed energia. Magari avrai la tentazione di prendere una scorciatoia e acquistarli. NON LO FARE.

Non solo rischi che il tuo profilo venga disattivato, ma non ti garantisci nemmeno l’engagement, che poi è l’obiettivo finale.

Ecco cosa puoi fare per aumentare il tuo pubblico nel modo corretto.

Assicurati che il tuo nome utente sia riconoscibile e che posso risultare nei risultati di ricerca. Se le persone non ti trovano, non ti seguono. Scrivi la bio, come indicato in precedenza. È l'ultima cosa che qualcuno vede prima di decidere se seguirti, quindi assicurati di includere chi sei e cosa fai.

Dopo aver ottimizzato il profilo, comincia a postare. Prima di cominciare a coinvolgere le persone, fai almeno una quindicina di bei post. Quando le persone visitano un profilo vuoto, solitamente non lo seguono.

Poi comincia a seguire gli account che hanno a che fare con la tua attività. Pensa a Instagram come a una tribù, cerca altre aziende o influencer vicini a te, che possono beneficiare dei tuoi servizi.

Man mano che segui nuovi account, Instagram te ne suggerirà altri: puoi seguire anche quelli.

Dopo che li hai seguiti, comincia ad interagire con i loro contenuti. Questo è il modo più naturale per attirare la loro attenzione, senza risultare fastidiosi. Infatti, quando interagisci con un account e con i suoi contenuti, il proprietario riceve una notifica. Questo può portarlo a vedere il tuo profilo e a seguirti.

Incoraggia la condivisione dei tuoi contenuti o collabora con account simili al tuo.

Infine, assicurati di promuovere il tuo profilo Instagram su altri canali: includi un pulsante di condivisione via Instagram sul tuo sito web e condividi il tuo profilo e i tuoi contenuti su altre piattaforme social.

 

Alcune tecniche che hanno permesso a Dario Vignali di superare 200K Instagram follower.

 

Dario Vignali Profilo Instagram

 

Integra Facebook

Quando connetti i due account I tuoi amici su Facebook riceveranno una notifica e molti di loro inizieranno a seguirti. Condividi le foto: così ne aumenterai la visibilità.

 

Usa il copywriting

La prima domanda che si fa chi visita per la prima volta il tuo profilo è: perché dovrei seguirlo? Per questo è importante chiarire subito chi sei e cosa fai. È altrettanto importante che tu riesca a distinguerti. Anche scrivere delle didascalie efficaci può aiutarti a farlo.

 

 

 

 

 

Usa il visual

Da più di 10 anni sentiamo ripetere “ Content is king”, vale anche per Instagram.

Se le tue foto sono brutte, non otterrai molti follower. Anche in questo caso l’importante è distinguersi.

 

Ma quali sono le immagini che funzionano meglio su Instagram?

  • Le immagini più luminose.
  • Le immagini che hanno il blu come colore dominante
  • Le immagini con una bassa saturazione 
  • Le immagini che hanno un singolo colore dominante

 

Like e commenti

Sono gli strumenti principali per interagire con le altre persone. Ricorda che in molti preferiscono i commenti ai like. Se ti prenderai il tempo per farli, è probabile che ti seguano. Perché funzioni, il tuo commento deve essere genuino, non basta “bella foto”.

Anche i like sono importanti: statisticamente ogni 100 like fatti, dovresti riceverne 20 e 6 nuovi seguaci.

Cerca l’hashtag #firstpost così selezionerai degli utenti che si sono appena iscritti e saranno più propensi a seguirti. Difficilmente account con milioni di follower ricambieranno il tuo follow, i tuoi like e commenti.

 

Scegli il momento giusto

Molti studi suggeriscono di postare tra le 14 e le 17, ma non è un dictat. Di fatto non c’è un orario migliore per tutti i profili. La cosa migliore è fare dei test. Poi vai nella sezione insigne del tuo account, clicca su “pubblico” e scrolla fino a follower: li vedrai in quali giorni e a che ora il tuo pubblico è più attivo su Instagram.

Più in generale, quando posti diluisci i contenuti nel tempo: meglio 3 post al giorno che 3 post in mezz’ora. E non postare più di 5 foto in una giornata.

 

Il tuo lato più umano

Le immagini che funzionano meglio, sono quelle che riguardano il proprio stile di vita. Quindi scegli foto che ti ritraggano nel quotidiano, che raccontino il dietro le quinte del tuo lavoro, i tuoi viaggi.

E ricorda di rispondere sempre ai commenti che ricevi, anche questo dimostra che non sei un robot.

 

Scopri le altre tecniche usate da Dario per aumentare i propri follower su Instagram.

Oppure acquista il suo corso per migliorare il tuo Instagram marketing.

 

 

 

 

 

 

I suggerimenti di Neil Patel

Chi è Neil Patel? Uno dei migliori autori del New York Times. Il Wall Street Journal lo classifica tra le persone più influenti sul web, Forbes lo inserisce tra i 10 migliori digital marketers al mondo, Entrepreneur sostiene che abbia creato una degli migliori 100 aziende al mondo. Obama l’ha riconosciuto tra i migliori 100 imprenditori sotto i 30 anni. Il suo blog è letto da più di 1 milione di persone ogni mese. Ecco alcuni suggerimenti che ci da riguardo a Instagram.

 

Mostra i prodotti in modo gentile

Quando si fanno post di prodotto è importante non annoiare e non infastidire il pubblico. Se si fa troppa pressione, se si è insistenti, se non c’è creatività, si perdono follower.

Di seguito due post di prodotto “gentile”.

Gilt Mans Instagram page

 

 

Il Brand offre uno sconto del 70% mentre mostra le foto di alcuni degli articoli disponibili per l’acquisto.

Gli annunci pubblicitari funzionano, perché non sono invadenti. Sono rilassati. Stimolano gli utenti con lo sconto e l'immagine del prodotto, li invitano scaricare l'app e guardarsi intorno.

Quando offriamo prodotti o servizi alle persone, non forziamole a comprare ma lasciamo che siano loro a voler acquistare.

 

Usate le storie per generare contatti

I vantaggi delle Stories per i Brand sono davvero tanti. Per iniziare, le storie vengono visualizzate nella parte superiore della timeline che gli utenti vedono ogni giorno. E invitano il pubblico a scriverci Direct message, trasformandoli così in nuovi contatti che ci hanno dato il permesso di comunicare con loro.

 

Traccia le metriche giuste

Per migliorare le performance su Instagram è importante sapere cosa funziona e cosa no. E per farlo, servono risultati misurabili.

 

Inizia tenendo traccia del tasso di crescita dei follower.

Il numero totale dei follower è considerato una vanity matric. E di fatto lo è.

Ma non lo è il tasso crescita dei follower, perché ci permette di capire quanto il nostro pubblico apprezzi i nostri contenuti, la frequenza con cui postiamo e l’ora a cui lo facciamo.

 

La seconda metrica è il tasso di engagement.

Serve per misurare quanto il tuo pubblico viene coinvolto dai tuoi contenuti. Misura like, commenti e visite al profilo, rispetto al numero di persone che il post ha raggiunto e rispetto al numero di follower totali.

Per quanto riguarda il singolo post, basta cliccare su “visualizza dati statistici” sotto la foto che hai postato.

 

Quando misuri il tasso di engagement rispetto al totale dei follower, stai valutando l’efficacia del tuo profilo in generale. Più è basso il numero di follower, più tende ad essere elevato il tasso di engagement.

 

Instagram-influencer-average-engagement-rates

 

Social media CTR 2

La terza metrica è il click-through rate della bio

Ovvero, quante persone raggiungono tuo sito da Instagram? La media per Instagram è inferiore all’1%

Più la tua strategia è corretta, più sarà alto il CTR della bio.

Foto Social media CTR

Per tenere traccia delle diverse metriche, attualmente sto usando Stim Social.

 

Instagram Performance

 

Scopri le altre tecniche usate da Neil per migliorare il marketing su Instagram.

Torna all'inizio

 

 

 

 

Conclusioni

Con 1 miliardo di utenti attivi al mese, di cui 19 milioni sono italiani, Instagram è uno dei social media più utili per la maggior parte delle aziende.

Quella che era una semplice app di condivisione delle foto si è trasformata in un'esperienza sociale coinvolgente, che consente agli utenti di esplorare i Brand in modo nuovo.

Gli utenti di Instagram apprezzano i contenuti di alta qualità.

 

Per prima cosa, trasforma il tuo profilo in un profilo aziendale Instagram, se non lo hai già fatto. Questo ti darà molti strumenti gratuiti e ti offrirà la possibilità di approfondire molti aspetti del tuo marketing su Instagram.

Poi definisci la strategia migliore per il vostro Brand e verificala analizzando le metriche più utili. Tieni quello che funziona e cambia quello che non funziona, così la tua strategia sarà aggiornata costantemente.

Prova a fare post diversi e valutate quali piacciono di più al pubblico.

Usa gli hashtag con attenzione: scegline10 piccoli, 10 medi e 10 grandi.

Prenditi il tempo per scrivere le didascalie, in modo che siano coinvolgenti.

Aumenta i tuoi follower in modo organico. NON cedere alla tentazione di comprarli.

 

Questo è quello che ho imparato in questi primi mesi in cui mi sono dedicato maggiormente a Instagram.

Ma il marketing su Instagram va oltre primi passi raccontati in questo post.

Per questo è utile seguire una formazione-pratica che permetta di ottenere risultati.

O almeno la vedono così Dario Vignali e Stefano Mongardi, gli autori del migliore corso italiano su questa tematica (se conosci corsi migliori, puoi suggerirli nei commenti).

 

 

 

Torna all'inizio

Vorresti saperne di più su questo argomento?

IL NOSTRO TEAM È A TUA DISPOSIZIONE PER MAGGIORI INFORMAZIONI E PER VALUTARE CON TE LE MIGLIORI OPPORTUNITÀ

CONTATTACI

COMMENTS